prato pronto a rotoli

Il prato pronto a rotoli. Perché conviene

Il prato pronto è conveniente? Certamente si. Vediamo perché.

Il prato pronto o prato a rotoli, ha notevolissimi vantaggi che alla fine si traducono anche in risparmio, a fronte del costo iniziale sostenuto per l'acquisto e la posa. Innanzitutto, contrariamente a quanto in molti credono, il prato pronto E' UN PRATO VERO e organico a tutti gli effetti. Non è un prato sintetico, ma un normalissimo prato naturale.

 

1 - La praticità
Il prato pronto è posabile praticamente in ogni periodo dell'anno. Il grande vantaggio consiste proprio in questo: non necessita della consueta preparazione del terreno per la semina, ed è pronto per essere goduto in poco tempo.

 

2 - La godibilità
Il prato pronto, come dicevamo, è posabile in poco tempo. Talvolta poche ore sono sufficienti per il risultato definitivo. Ma la godibilità è anche data dal fatto che il prato pronto ha caratteristiche uniche: è soffice, omogeneo, e percorrerlo anche a piedi nudi offre una gradevolissima sensazione, difficilmente ottenibile con la posa tradizionale a semina.

 

3 - L'uniformità
Il prato pronto ha il grande vantaggio di essere omogeneo e uniforme. Significa cioè che, a differenza di un prato seminato, non risente delle imperfezioni o delle differenze di quota o di qualità, del terreno.

 

4 - la scelta cromatica
Il prato pronto è acquistabile in diverse qualità erbose permettendo cosi' una sensibile scelta cromatica tra i toni del verde, e favorendo inoltre la personalizzazione del prato e dell'insieme del giardino.

 

5 - Gli elementi che contribuiscono al risparmio rispetto al prato tradizionale
Oltre ai vantaggi della rapidità della posa, il prato pronto ha una maggiore resistenza agli agenti infestanti, ha una resistenza meccanica superiore ed è anche durevole nel tempo. Per le sue caratteristiche fisiche e organiche quindi, è piu' semplice e meno costosa la sua manutenzione, che si riduce sommariamente al taglio e all'irrigazione periodica.

 

Richiedi subito informazioni per questo prodotto

 

 

 

primavera giardino lavori

La manutenzione del giardino tra marzo e aprile.

Lavori di marzo e aprile per un giardino in salute.
Con l'inizio della primavera, il giardino richiede un po' di attenzione e cura. Oltre a prepararlo per goderlo in tutta la sua bellezza nelle stagioni piu' belle, i lavori primaverili del giardino servono a mantenerlo in salute e a prevenire inconvenienti che possono richiedere interventi anche costosi.

Piantumazione
L'operazione di piantumazione è quella che conferirà una immagine rinnovata al giardino. Tempi e modi di piantumazione variano dal periodo, al tipo di terreno, alla qualità della pianta o del fiore, all'orientamento e alla zona. Per evitare spiacevoli sorprese è necessaria la valutazione di un esperto, che osserverà con attenzione il terreno che dovrà accogliere la nuova pianta e crescere in salute.

Antimuschio
Il muschio predilige le zone d'ombra e dove c'è molta umidità. In un giardino che ha alcuni punti con queste caratteristiche, il muschio cresce facilmente ed è capace di ricoprire in tempi relativamente brevi le piante, le rocce, le illuminazioni e gli altri elementi che compongono l'insieme. Se la sua rimozione dagli elementi inorganici diventa una questione puramente estetica, dalle piante e dagli arbusti va rimosso con attenzione e con procedure particolari. Le piante, infatti, poco gradiscono il muschio che, oltre a raccogliere parassiti, provoca loro il soffocamento.

Arieggiatura
Avevamo già trattato in questo articolo la necessità del lavoro di arieggatura. Praticando l'arieggatura del prato, la qualità e la bellezza del suo verde ne guadagneranno con la prossima crescita stagionale.

Concimazione
Anche per la concimazione, rimandiamo a questo articolo dove l'argomento è stato già trattato. Ricordiamo che diversi sono i periodi dell'anno durante i quali si effettua la concimazione, e conseguentemente è diversa la procedura e anche il prodotto idoneo.

Falciatura
L'operazione di falciatura richiede qualche accortezza. Inanzitutto il prato va sempre tagliato quando è asciutto. L'altezza generale del taglio, che deve essere quella idonea alla qualità dell'erba, offirà un prato di qualità e piacevole da godere. La frequenza del taglio e l'altezza dello stesso devono essere bilanciate in modo da impedire al prato di essere eccessivamente debole, oppure eccessivamente robusto, per evitare di incappare nella crescita della parte legnosa dell'erba, penalizzandone cosi' l'aspetto.

 

 

 

primavera giardino lavori

Primavera alle porte. Quali sono il lavori da fare in giardino?

Tra la fine di febbraio e la metà di marzo, il giardino si prepara all'arrivo della primavera. Quali sono i lavori da fare e gli accorgimenti da seguire, per godere dello splendore del nostro giardino?

I trattamenti idonei

Se le foglie cadute, per alcuni tipi di piante, sono servite ad azione di protezione e concimazione per l'inverno, è ora tempo di rimuovere quelle in eccesso, e fare in modo che il giardino torni ad avere un aspetto consono alla stagione in arrivo. Con un rastrello, rimuoviamo le foglie e anche le piante infestanti che con buona probabilità saranno cresciute dove non vorremmo. Anche gli insetti cominceranno a comparire, e qualche trattamento - sempre eseguito con competenza, per evitare di danneggiare le piante o di allontanare insetti non molesti - è bene metterlo in programma. L'altra importante operazione da fare, è la valutazione della crescita del manto erboso e, eventualmente, procedere con la falciatura. 

Concimatura? E' la giusta stagione?

Avevamo già trattato in un altro articolo come effettuare il corretto lavoro di comcimazione delle piante. Controllate innanzitutto la salute del terreno, con gli strumenti appositi, e mantenetelo sempre ben idratato, anche dopo il lavoro di concimazione. 

La potatura. L'altra operazione importante.

La potatura è una operazione importante, ma anche delicata da eseguire. Innanzitutto bisogna conoscere il periodo giusto per la potatura, che varia da pianta in pianta. Generalmente si puo' dire che le piante da fiore possono essere potate (dove necessario) per favorire la crescita dei nuovi rami e quindi dei nuovi boccioli. Per altre piante, invece, è bene fare attenzione, controllando innanzitutto se la tipologia della pianta lo richiede e, se la stagione primaverile è quella idonea. Un errore di potatura puo' compromettere seriamente la salute della pianta. 

Semina e innaffiatura

Se avete intenzione di rinnovare le vostre aiuole, o anche le vostre piante in vaso, tra la fine di febbraio e marzo è certamente il periodo migliore. Scegliete con cura e secondo i vostri gusti le piante che coloreranno il vostro giardino, ed eseguite la semina seguendo le istruzioni,  solitamente indicate sul sacco dei semi o secondo indicazione del vostro fornitore di fiducia, o di un esperto. Procedete anche con l'innaffiatura, quindi. Ma fate attenzione al meteo, perchè il periodo è - come sappiamo - generalmente piovoso e, un eccesso di acqua potrebbe essere dannosa per le piante, che cedono facilmente ad esempio a manifestazioni fungine. Un esperto, inoltre, potrà consigliarvi come e quando annaffiare il vostro giardino. Una piccola sofferenza indotta alla vostra pianta per leggera mancanza d'acqua, potrebbe anche essere salutare: la pianta si adatterebbe facendo crescere le proprie radici verso il fondo del terreno, alla ricerca di maggiore umidità, diventando cosi' piu' solida e robusta.